mercoledì 9 marzo 2011

Libia: L'invasione ( Usa + Nato ) è già cominciata

Mentre i diplomatici dei vari paesi fanno finta di litigare sulle varie opzioni disponibili, embargo di questo e di quello, sanzioni, no fly zone, congelamento dei beni della famiglia Gheddafi, e aspettano che l'Onu si pronunci in maniera chiara rapida ed efficace, cosa che non succederà mai, sul campo ( in Libia ) le operazioni più o meno ufficiali e più o meno militari sono già cominciate.

Ecco alcuni articoli trovati in giro per il web che provano questo fatto:

<<“Centinaia di consiglieri militari statunitensi, francesi e britannici sono arrivati in Cirenaica, la provincia orientale separatista della Libia, … I consiglieri, tra cui ufficiali dei servizi segreti, sono sbarcati da navi da guerra e da motovedette lanciamissili, nelle città costiere di Bengasi e Tobruk” (DEBKAfile, US military advisers in Cyrenaica, 25 febbraio 2011)>>

<<“Otto commando delle forze speciali britanniche, in missione segreta per mettere dei diplomatici britannici in contatto con gli avversari principali del Col Muammar Gheddafi in Libia, sono stati fatti prigionieri dalle forze ribelli nella parte orientale della Libia, riportava oggi The Sunday Times. Gli uomini, armati, ma in abiti civili, hanno sostenuto che erano lì per controllare se l’opposizione aveva bisogno di aiuto, e di offrirglielo“. (Top UK commandos captured by rebel forces in Libya: Report, Indian Express, 6 marzo 2011.)>>

<<Le forze SAS sono state arrestate mentre scortavano una “rappresentanza diplomatica” britannica, che era entrata illegalmente nel paese (senza dubbio da una nave da guerra britannica) per  discussioni con i leader della ribellione. Il Foreign Office britannico ha riconosciuto che “un piccolo team di diplomatici britannici era stato inviato nella Libia orientale per avviare contatti con la l’opposizione in rivolta“. (UK diplomatic team leaves Libya – World – CBC News, 6 marzo 2011).>>

<<“L’intervento delle SAS ha fatto arrabbiare degli esponenti dell’opposizione libica, che hanno ordinato ai soldati di rinchiuderli in una base militare. Gli oppositori di Gheddafi temono che possa usare le prove dell’interferenza militare occidentale per avere il sostegno patriottico al suo regime“. (Reuters, 6 marzo 2011)>>

<<Il “diplomatico” britannico catturato con sette soldati delle forze speciali, era un membro dell’Intelligence inglese, un agente dell’MI6 in “missione segreta“. (The Sun, 7 marzo 2011)>>

Vedi anche:
LIBIA ULTIME NOTIZIE



RANDOM POST

Nessun commento:

Posta un commento